Il VISUAL THINKING per la Trasformazione

Molti Clienti, ad esempio grandi Aziende nel settore tecnologico, ci chiedono di aiutarli a sviluppare e guidare percorsi di “trasformazione digitale” o di “trasformazione sostenibile”; hanno ottimi esperti con fantastiche idee, ma faticano ad implementarle. Perché? Principalmente per la difficoltà a coinvolgere e responsabilizzare tutte le persone che fanno parte di questi enormi processi collettivi, di grande complessità. 

 

La complessità ci intimidisce perché ci sembra difficile da gestire: non ritroviamo più le familiari relazioni lineari di causa-effetto, e quindi non riusciamo a fare previsioni, non sappiamo cosa succederà prendendo quella decisione o facendo quella mossa. Eppure la complessità dovrebbe entusiasmarci: qui regnano la creatività e il cambiamento, la sperimentazione e l’innovazione: nella semplicità prevedibile c’è solo quello che sappiamo.

 

Non possiamo “semplificare” la complessità per condividerla, provare a comprenderla e affrontarla. Ma complesso non vuol dire “difficile”; quindi è possibile “facilitare” le dinamiche nella complessità, cioè rendere le cose più facili.

Il segreto sta nell’imparare a comunicare in modo chiaro la situazione, le idee e i concetti; per farlo dobbiamo prima di tutto pensare più chiaramente, avere una visione d’insieme, che abbracci il “sistema” nella sua totalità. Poi dobbiamo utilizzare questa chiarezza di visione agli altri, a chi vogliamo e dobbiamo coinvolgere.

 

Il Visual Thinking – cioè la capacità di pensare, comprendere ed esprimersi attraverso le immagini, specialmente quelle che creiamo noi, col disegno, è la soluzione brillante alla gestione della complessità: la rende “facile” senza pretendere di “semplificarla”. Per chi pensa di avere difficoltà a disegnare, la grammatica visuale di Dan Roam è una soluzione facile ed elegante, che ci permette di sfuggire all’ansia di prestazione che ci vorrebbe artisti per disegnare! 

 

Il Visual Thinking non è una disciplina artistica che richiede un talento unico e innato – è una competenza comunicativa che può essere appresa, sviluppata, affinata e allenata:

un pensiero chiaro e rilevante vive e parla a tutti con i pochi tratti che lo traducono in segni, e chi lo condivide non deve essere un artista per ottenere il risultato.